Perché cominciare a camminare (o non smettere di farlo)

BENESSERE SALUTE

Pubblicato il: 13/11/2018


camminare benefici

Le 4 buone ragioni per cominciare a camminare

Camminare almeno 30 minuti al giorno è un toccasana per la salute. Soprattutto se non si è molto allenati, meglio preferire la camminata alla corsa perché non richiede uno sforzo fisico eccessivo e permette di fare movimento quotidianamente, senza affaticarsi troppo e senza annoiarsi. Camminare garantisce all’organismo numerosi vantaggi: aiuta a mantenersi in forma, a perdere peso e a sentirsi più giovani. Ecco alcune buone ragioni per cominciare subito!

Riduce lo stress

Camminando l’organismo produce una quantità di endorfine fino a 5 volte superiore che a riposo. Le endorfine sono una fonte di benessere per il corpo e la mente: è da qui che ha origine la sensazione di serenità e di calma che si percepisce durante e dopo l’attività fisica.

Diminuisce il rischio di malattie cardiache

Con la pratica regolare il muscolo cardiaco viene gradualmente allenato e questo è il modo migliore per proteggere l’organismo dall’insorgenza di problemi cardiovascolari: essendo un’attività fisica moderata e di resistenza, la camminata stimola la circolazione sanguigna.

Non impatta sulle articolazioni

La camminata è l’attività fisica ideale per chi deve perdere peso: la sollecitazione delle articolazioni e i traumi da caduta sono minori e, associata a una dieta regolare, aiuta a bruciare grassi e perdere peso.

Stimola la creatività

Camminare immersi nella natura aumenta la capacità creativa del 50 per cento: è benefico per il cervello, che si riposa e si prepara a dare vita a nuovi processi.

 

Leggi anche Slow Walking. 

 

 

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni