Scuola nel bosco

GENITORI E FIGLI

Pubblicato il: 14/11/2018


Imparare dalla natura

La scuola nel bosco favorisce la concentrazione e il coinvolgimento: l’ “effetto natura” esiste e aiuta a migliorare la performance scolastica. A sostenerlo è uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Phsychology, basato sul comportamento di alcune classi di bambini tra i 9 e i 10 anni. A seguito di un periodo di 10 settimane di osservazione, i ricercatori hanno riscontrato come le lezioni all’aria aperta favorissero la concentrazione degli alunni anche nell’ora successiva in cui la lezione si svolgeva al chiuso: i professori riuscivano a insegnare ininterrottamente per quasi il doppio del tempo.

Outdoor Education: scuola nel bosco

La stessa Maria Montessori, nel secolo scorso, suggeriva l’importanza dello stretto rapporto tra bambino e natura, tanto da dedicare a questo argomento interi capitoli dei suoi libri e lunghe riflessioni. La Natura, secondo Montessori, è uno degli elementi più importanti nella realtà scolastica e rappresenta un’incredibile risorsa educativa. Questo è, d’altra parte, l’assunto da cui partono tutti quei progetti di scuola “alternativa” che si distinguono per la scelta di classi all’aria aperta e in mezzo alla natura. Le cosiddette “Forest Schools”, o “Scuole nel Bosco”, sono sempre più diffuse non solo nei paesi nordici, dove sono nati i primi pionieri progetti, ma anche in Europa e in Italia. I bambini trascorrono l’intera giornata a contatto con la natura, indipendentemente dalle condizioni climatiche e opportunamente abbigliati: la classe scompare e lascia il posto a un ambiente esterno ricco di stimoli che consente a bambini e ragazzi di muoversi di più, mettersi alla prova, fare esperienze personali che portano alla costruzione di una maggiore autostima e una migliore conoscenza dei propri limiti.

Bambini all’aperto: 5 vantaggi

È salutare

Respirare aria fresca è importante ad ogni età, specialmente in quella infantile. L’aula chiusa e, spesso, eccessivamente riscaldata favorisce, inoltre, la diffusione di virus e batteri e il reciproco contagio.

Stimola il movimento

La natura offre ampio spazio per sviluppare le facoltà motorie: camminare, arrampicarsi, sperimentare diversi terreni, rotolare. Ogni attività e lecita e benvenuta in quanto importante per lo sviluppo di corpo e mente.

Favorisce l’esperienza reale

Nelle generazioni attuali esiste un forte squilibrio tra lo sviluppo cognitivo e le esperienze reali: bambini e ragazzi studiano il mondo attraverso libri e supporti virtuali, senza la possibilità di “toccare con mano” ciò che stanno apprendendo.

Aumenta la creatività e la fantasia

Non esistono strumenti prefabbricati in natura: bambini e ragazzi utilizzano materiali naturali e inventano soluzioni innovative per “adattarli” all’uso di cui hanno bisogno

Più cooperazione e capacità di concentrazione

Nell’ambito delle scuole nel bosco è stato dimostrato come i bambini si distinguano per la loro elevata predisposizione cooperativa, il migliore atteggiamento sociale, la tenacia e maggiore capacità di concentrazione e motivazione.

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni