Cromoterapia: come usare i colori per stare meglio

BENESSERE

Pubblicato il: 23/01/2019


Tutti i colori del buon umore

Secondo la cromoterapia, i colori sono potenti alleati della salute. Non hanno solo un effetto benefico sulla psiche, ma incidono anche sul corpo: il blu scaccia l’ansia e migliora la respirazione, l’arancione stimola la tiroide e così via. In effetti, numerosi studi rivelano che i colori incidono sullo stato d’animo, ma non è ancora stato scientificamente dimostrato in che modo rappresentino un elemento chiave in una cura. Continua a leggere per saperne di più!

Che cos’è la cromoterapia

La cromoterapia ha radici millenarie e basi in comune con altre discipline, come la fototerapia, la cromopuntura e l’ayurveda. Il rapporto tra i colori si ritrova spesso collegato all’equilibrio tra gli elementi fondamentali. Dal secolo scorso in poi, soprattutto grazie ai lavori di Edwin Babbit e Dinash Ghadiali, la terapia con i colori ha suscitato un nuovo interesse tra le medicine alternative. Ciò nonostante, la cromoterapia si presenta come una cura naturale alternativa perché non rispetta i requisiti necessari per essere considerata terapia affidabile.

Rosso, arancione e giallo

Il rosso, l’arancione e il giallo sono colori eccitanti, che attivano e donano energia. Spingono all’attività e mettono buon umore. Visivamente regalano calore e vivacità. Il rosso, in particolare, aumenta il numero di battiti cardiaci, alza la pressione, attiva il fegato e stimola i nervi. Ha anche un potere decongestionante e antidolorifico. Il giallo è un concentrato di energia, molto amato da chi pratica attività sportiva: incrementa il tono neuro-muscolare, potenzia i riflessi fisici e simboleggia la gioia. A livello fisico, l’arancione stimola la tiroide e aiuta la milza a lavorare meglio. È molto utile alle persone che soffrono di depressione, portando allegria e positività nella loro vita. Questo colore ha anche benefici in soggetti che hanno subito dei traumi e che devono allontanare emozioni negative, con cui hanno difficoltà a fare i conti.

Verde, azzurro e viola

Il verde, l’azzurro e il viola sono colori che tranquillizzano, apportano serenità e rilassano. Donano alla mente un effetto di calma e pace, trasmettono quiete, sincerità e responsabilità. Nella cromoterapia il verde riveste un ruolo fondamentale: è il colore della natura e dell’equilibrio tra le forze in campo. È consigliato agli iperattivi, in caso di difficoltà respiratorie, disturbi del cuore, gastrite, intossicazione, ipertensione, ipertiroidismo, postumi di interventi chirurgici, stanchezza oculare, stress, bulimia, ipereccitabilità, ansia e nervosismo. L’azzurro trasmette senso di pacatezza, aiuta la meditazione e l’estroversione. Il viola è il colore della calma e della meditazione, modera l’irritabilità e seda gli stati impetuosi di irragionevolezza improvvisa. Rallenta l’attività cardiaca, facilita l’equilibrio fra sodio e potassio, e contribuisce allo sviluppo osseo.

Rosa

Il colore rosa simboleggia femminilità, bontà, innocenza e buone intenzioni. Soprattutto nelle varianti cipria e più polverose, lenisce lo spirito, abbassando ansia e depressione.

Bianco

In alcune culture, il bianco significa purezza e innocenza, mentre in altre, indica la luce, l’illuminazione e la saggezza. In cromoterapia viene utilizzato per stimolare le cellule e le ghiandole endocrine del corpo, ma anche per aiutare a sintetizzare vitamina D, per chi soffre di carenze vitaminiche, inappetenza, ansia e fragilità psichica. È il colore associato al settimo chakra, quello posto sulla nostra testa.

Nero

Il nero evoca fascismo, notte, mistero, motivo per cui la moda e il beauty lo adorano. Corrisponde all’assenza totale della luce, è l’assenza di colore per antonomasia. Per i suoi effetti, non viene utilizzato in cromoterapia.

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni