Attività fisica: le dritte del Ministero della Salute

BENESSERE SALUTE

Pubblicato il: 01/06/2019


attività fisica giornaliera

Le nuove linee guida per diminuire la sedentarietà

L’attività fisica è una componente fondamentale nella vita di ciascuno di noi. I benefici del movimento hanno indiscusse ricadute sulla salute e anche sull’umore. A questo proposito, il Ministero della Salute ha aggiornato qualche settimana fa le Linee guida sull’attività fisica, scopri nelle prossime righe che cosa prevedono!

I nuovi obiettivi

Gli obiettivi delle nuove Linee guida sull’attività fisica emesse dal Ministero della Salute puntano ad aumentare del 30 per cento il numero degli adulti fisicamente attivi e del 15 per cento quello degli over 64. Il documento, in linea con l’Organizzazione mondiale della sanità, punta a ridurre del 15 per cento la prevalenza dell’inattività fisica negli adulti e negli adolescenti entro il 2030. Nel mondo, infatti, il 25 per cento degli adulti e il 75 per cento degli adolescenti non svolge sufficiente attività fisica. In Italia meno di due bambini su dieci svolgono al massimo un’ora di sport mentre un adulto su tre è considerato sedentario.

Come fare per aumentare l’attività fisica

Lo sport non solo permette di aggiungere anni alla vita, ma incrementa lo stato di benessere fisico, psichico e sociale. Non solo: esiste un legame diretto tra la quantità di attività fisica e la speranza di vita, ragione per cui le popolazioni fisicamente più attive tendono a essere più longeve di quelle inattive. Ma muoversi non è solo sinonimo di fitness: significa anche muoversi per fare i lavori domestici, una camminata, ballare, giocare, spostarsi a piedi o in bicicletta, dedicarsi al giardinaggio o al bricolage.

Infanzia e adolescenza

Secondo le nuove Linee guida, i bambini e gli adolescenti di età compresa tra i 5 e i 17 anni dovrebbero praticare almeno 60 minuti di attività fisica quotidiana di intensità media-vigorosa (gioco, esercizi fisici strutturati e sport) ed esercizi di rafforzamento dell’apparato muscolo-scheletrico almeno tre volte a settimana.

Attività fisica e adulti

Secondo gli esperti, gli adulti dovrebbero svolgere almeno 150 minuti di attività fisica aerobica moderata o 75 minuti di attività vigorosa, oltre a esercizi di rafforzamento muscolare due o tre volte a settimana. Per chi svolge un lavoro sedentario, è importante puntare su pause attive, piccole passeggiate, piegamenti sulle gambe e alternare la posizione seduta a quella eretta.

Attività fisica e terza età

Stando alle Linee guida del Ministero, gli over 65 dovrebbero svolgere almeno 150 minuti alla settimana di attività fisica aerobica di moderata intensità o 75 minuti di attività fisica aerobica a intensità vigorosa. Inoltre, sono raccomandati esercizi di rafforzamento muscolare, di miglioramento dell’equilibrio e per prevenire le cadute. Per tutti vale il principio che “poco è meglio di niente” perché bastano già 60 minuti a settimana per ottenere benefici per la salute.

 

 

 

 

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni