Come affrontare le coliche del neonato?

GENITORI E FIGLI

Pubblicato il: 25/06/2019


I consigli per calmare le colichette

Le coliche del neonato sono uno dei più temuti spauracchi delle mamme e dei papà. Consolare un piccolo che piange e non riesce a dormire, cercare di fargli passare il dolore o di dargli un po’ di sollievo non è cosa semplice. Vediamo insieme come affrontare le coliche e quali sono i consigli migliori.

Quali sono i sintomi delle coliche del neonato?

Gli esperti spiegano che per distinguere le coliche dal pianto comune, bisogna seguire la regola del 3: il bambino piange per tre ore al giorno, per almeno tre giorni alla settimana per tre mesi. Sono un disturbo che colpisce circa il 10 per cento dei lattanti nei primi mesi di vita e dalle caratteristiche ben precise: il bambino, senza alcuna causa scatenante, comincia a essere irrequieto, diventa pallido o cianotico, stringe i pugni, flette le gambe sull’addome e non trova consolazione. Di solito le crisi sono più frequenti nelle ore serali, se il neonato è allattato al biberon, mentre negli allattati al seno possono manifestarsi in qualunque momento della giornata.

Le cause

Le cause delle coliche del neonato non sono state individuate con precisione. Tuttavia, rientrano tra le ipotesi più plausibili: fermentazione del latte nel pancino o intolleranza al lattosio, lo zucchero contenuto nel latte, allergie ai cibi assunti dalla mamma; eccessiva deglutizione d’aria durante i pasti; flora batterica intestinale alterata; fase di adattamento dell’intestino alla nuova attività; ansia dei genitori trasferita ai piccoli.

Coliche del neonato: i consigli

Ecco qualche consiglio per affrontare le colichette del lattante.

  1. Tenerlo in una fascia, petto contro petto, e fare una passeggiata
  2. Cantargli una canzone che già conosce
  3. Massaggiarlo dolcemente
  4. Abbracciarlo e cullarlo al ritmo di una ninna nanna
  5. Parlargli con un tono di voce affettuoso
  6. Ridurre le stimolazioni visive, uditive e tattili in modo da offrirgli un ambiente tranquillo
  7. Fargli cambiare posizione (a pancia in su, con una mano sotto la pancia e la testa appoggiata al tuo avambraccio)

 

 

 

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni